Introduzione all’Hatha Yoga

Introduzione: Yoga e Sport

 

Sempre piu spesso lo  Yoga viene utilizzato  dagli sportivi come attività coadiuvante diverse discipline. E’ riconosciuto  dalla Federginnastica e dalla Federpesistica poichè aiuta la concetrazione e la resistenza fisica e mentale, viene utilizzato dagli apneisti che ne traggono prestazioni più elvate. 

Lo Yoga è una disciplina proveniente dall’antica India, conosciuta in occidente dagli anni ’60. Lo Yoga è un sistema scientifico, perché la sua pratica è di comprovata efficacia, dimostrabile e ripetibile. Le svariate Tradizioni hanno la stessa finalità: la realizzazione di sè attraverso la conoscenza profonda.

Nello Yoga, il corpo è il mezzo attraverso il quale facciamo la nostra esperienza ed è con  piacere della  consapevolezza, che lo manteniamo in buona salute. La mente, a volte ostile, è colei che se condotta nel percorso diviene invece nostra alleata verso una vita serena. Lo Yoga è quindi, un percorso di benessere psico-fisico, ma anche un percorso scientifico, di conoscenza di se.

Il Centro propone  l’Hatha Yoga, nella sua forma più classica.

La parola Yoga deriva,dal termine sanscrito “Yui”che significaCongiungere, unire”. Unione quindi dell’individuo con se stesso e con l’Universo (la dualità è spesso causa di conflitto interno ed esterno). Il saggio indiano Patañjali (II avanti Cristo, datazione presunta) raccolse ciò che fino ad allora veniva tramandato oralmente, nell’opera scritta “Yoga Sutra” elaborando così, indicazioni precise per il praticante di Yoga.

Ne definì il processo graduale per compiere ciò che ancora oggi, viene chiamato Raja Yoga, lo Yoga Regale. Delineò otto passi con indicazioni sull’etica (verso se stessi e l’altro) e sullo stile di vita da praticare per raggiungere il più alto grado di realizzazione di se: il Samdhi.

L’Hatha Yoga che proponiamo

Prima di praticare la posizione sulla testa, imparate a stare in piedi nel mondo!” (Swami Rama)

La sottile metafora di Swami Rama capostipite della Tradizione Himalayana, insegna che lo Yoga può essere e deve essere accessibile a chiunque, indipendentemente dall’età e dalle condizioni fisiche. Le posture e la modalità di insegnamento, devono  guidare verso   equilibrio e  stabilità  che vanno oltre la difficolta della posizione e la posizione stessa. L’esperienza corporea dello  Yoga, si trasmette alla nostra Vita e entra nel nostro modo di pensare.

Mentre si praticano le posizioni (in sanscrito āsana), la mente è calma, focalizzata e il respiro è fluido; vi sono momenti di rilassamento consapevole fra una postura e l’altra dove il corpo è stabile e ogni movimento è lento e non ripetitivo.

Gli stiramenti e la stimolazione di muscoli, tendini e giunture danno tono ed elasticità aiutando a mantenere in forma anche gli organi interni, il sistema endocrino e soprattutto il sistema nervoso. Con una pratica regolare dello Yoga aumentano la forma fisica, l’autostima, la resistenza alla fatica  l’ Energia positiva.  Lo Yoga inoltre, è un valido strumento per contrastare i disturbi della Menopausa

Prāṇāyāma (pratiche energetiche, respirazioni, gesti)

Molta attenzione è dedicata a sviluppare un respiro corretto, profondo e poiché il respiro è la sorgente della vita, è un ponte fra il corpo e la mente. Il pensiero diventa più lucido, creativo, intuitivo: la pratica dello Hatha Yoga insegna a controllare le proprie emozioni, senza reprimerle, anche nei momenti più difficili della vita.

La respirazione è essenziale sostegno per la mente, per combattere tensioni fisiche ed emozionali e le tecniche respiratorie mirano a:

  • una migliore consapevolezza, lucidità, creatività, sostegno per la mente anche nei momenti di difficoltà
  • il superamento di abitudini di vita e respiratorie scorrette.
  • utilizzare il respiro come focalizzazione per la mente, ritirandola da ogni altro momento o luogo
  • ricorrere alla pratica come risorsa per risolvere momenti difficili, depressione, insonnia o dolori fisici

Il rilassamento

Il rilassamento è un momento fondamentale di una sessione di Hatha Yoga, dove si sperimenta la presenza e la consapevolezza nell’immobilità…..  La Tradizione dei Maestri Himalayani, ha come capostipite Swamy Rama (1925-1996) dell’Himalaya, medico  Indiano che fuse la moderna psicologia occidentale, con l’antica scienza e filosofia dello Yoga.

La Tradizione dei Maestri Himalayani”ci guiderà:

  • all’osservazione del corpo attraverso la mente,
  • all’osservazione della mente attraverso il corpo,
  • al riconoscimento e alla gestione delle tensioni, risultanti delle emozioni

Il gruppo e la sessione singola

Un ulteriore mezzo dello Yoga, è l’esperienza nel gruppo: uno strumento per raggiungere un migliore esito delle pratiche che si svolgono in un clima di serenità, gioia, condivisione supporto.

È possibile iniziare un percorso individuale quando, per motivi vari le condizioni non consentano la frequenza di gruppo (es: post-trauma, o  necessità particolari)

Corsi dedicati

  • Corsi per gestanti (dal terzo mese in poi). Per predisporre, guidare e sostenere la donna che si accinge a portare alla luce il proprio figlio.
  • Corsi per Neo-mamme che hanno partorito (Yoga con neo-nato accanto. fino al 6° mese ) Per rilassare e portare serenità in un momento bellissimo, ma anche molto impegnativo e stressante. Per “unire” maggiormente la coppia in un esperienza profonda e Unica.

Indicativamente il Martedi in orario da concondare in base alle esigenze. 

Seminari e Giornate di studio

Nel corso dell’anno vengono organizzati seminari e giornate di studio a tema, alcuni in collaborazione con Maestri e Praticanti di consolidata esperienza nello Yoga e nella Meditazione

  • propone un percorso di posture classiche (āsana), alla portata di tutti perchè di facile esecuzione, verso la consapevolezza del corpo,
  • la saggezza della “Tradizione dei Maestri Himalayani”ci guiderà quindi,  al riconoscimento e alla gestione delle tensioni spesso risultanti dai conflitti interiori.